Il Messaggero – 28/05/2016

ALFIO MARCHINI

Marchini, piano per la scuola “Bonus per teatri e concerti”

di Fabio Rossi

Istruzione, educazione, cultura e politiche per i giovani. Quattro temi, strettamente collegati tra loro, che sono tra i punti fondamentali del programma di Alfio Marchini. Con l’ingegnere che, dopo le polemiche con Matteo Salvini, racconta alcune sue esperienze giovanili: «Ho fatto colloqui di lavoro nella mia vita e ho fatto il cameriere quando era giovane – dice Marchini – Al colloquio mi hanno chiesto se conoscevo le lingue visto che – ha aggiunto – era un lavoro negli Stati Uniti e dovevo servire ai tavoli». Ai giovani, il candidato sindaco rivolge interi capitoli del suo programma: «Bisogna rendere obbligatorio un giorno a settimana a rotazione, che gli alunni vadano ad uno spettacolo teatrale a vedere un film, a una mostra o un concerto dell’Accademia di Santa Cecilia – spiega l’ingegnere – e fare in modo che possano raccontare a scuola questa loro esperienza settimanale». Insomma, un modello di istruzione che si apra con regolarità settimanale a esperienze culturali esterne alla scuola.

IL PERSONALE
Marchini vuole rivolgere un’attenzione particolare anche agli insegnanti, in questi anni coinvolti in una lunga vertenza con il Campidoglio sul salario accessorio, e che lamentano liste di precariato ancora troppo lunghe negli asili nido e negli istituti scolastici comunali. «Bisogna regolarizzare le maestre che hanno vinto il concorso con lo stesso criterio delle loro colleghe statali, in accordo con la Direttiva dell’Unione Europea – sottolinea il candidato civico, illustrando il suo programma elettorale su questo tema – Quindi vogliamo valorizzare il ruolo delle maestre oggi frustrate nella loro attività: le insegnanti sono vitali per il nostro futuro».

LE STRUTTURE
Il programma di Marchini tocca anche altri temi che riguardano direttamente i giovani: «Pensiamo di lasciare aperta almeno una biblioteca per ogni quartiere fino alle due di notte – argomenta l’ingegnere – Gli esami si preparano la notte e a Roma dopo le 18 sono tutte chiuse». Quindi, il problema della ricettività per i ragazzi che vengono nella capitale per studiare: «Vogliamo adibire per ogni quartiere un ostello per i giovani – dice – Oggi pagano in nero 500€ per una camera».

GLI INCENTIVI
Il candidato civico si sofferma anche sulle politiche tariffarie, con alcuni punti del programma rivolti, per esempio, a «riattivare bonus trasporti per studenti e per le mamme che devono portare i figli a scuola». Infine Marchini propone una «Politica per gli studenti per tutte le manifestazioni culturali a Roma», che consenta ai giovani di avvicinarsi con concrete agevolazioni alle iniziative organizzate in città sul fronte della città.

Iscriviti alla Newsletter

  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER